11026186 10153532369284233 3111781677865653654 n

L’X Factor-Y nasce a metà degli anni’90 da un’idea di Cesare Ferioli e Andy Carrieri, componenti della famosa Rock’n’Roll band Jack Daniel’s Lovers, salita alla ribalta negli anni ’80, e di Sandro Castellari, affermato DJ e fondatore, insieme ad altri estimatori, del movimento Rockabilly italiano. Il nome trae ispirazione da “X-RAYMEN”, nome della prima band di Carrieri e Ferioli, e dall’idea della “Factory” di Andy Warhol intesa come fucina d’arte. Scopo di questa collaborazione è quello di promuovere la cultura anni ’50 attraverso concerti e feste. I fondatori, provenendo da esperienze simili ma da radici musicali diverse, riescono a portare questa cultura in un ambiente fertile e ricettivo, qual’era la Bologna dell’epoca.

Il progetto si fa subito attivo organizzando la prima rassegna rockabilly di un certo spessore chiamata “Rockabilly Rave”, all’interno della manifestazione musicale estiva “Scandellara Rock” e, nello stesso anno, il live dei tedeschi “Hot Boogie Chillun”.

L’anno successivo arrivano a produrre un 45 giri per gli allora noti “Hollywood Playboys”.

Alla fine degli anni ’90 entra a far parte dell’X Factor-Y un personaggio che ha portato un ulteriore rinnovamento all’interno della stessa, Leonardo Busi, il barbiere che modellava la testa dei Rockers bolognesi, appassionato di musica Rock’n’Roll e delle Harley Davidson. Successivamente Cesare Ferioli, come aveva già fatto in precedenza Andy, lascia la compagnia e rimangono così solo Leo e Sandro che continuano nell’intento di organizzare eventi che promuovano la cultura Rock’n’Roll, grazie all’esperienza di Sandro, profondo conoscitore di band e promoters a livello internazionale, e alla capacità organizzativa di Leo. Quest’ultimo, folgorato dall’esperienza del raduno per eccellenza di Daytona, a cui aveva partecipato nel ’92, decide di trarne ispirazione per gli eventi futuri dell’XFactor-Y.

Nell’estate del 2000 nasce a Minerbio, in provincia di Bologna, il primo ROCK’N’ROLL & ROCKABILLY PARTY, ingaggiando band internazionali di tutto rispetto. A questa seguiranno altre edizioni di successo.

Nel 2003 nasce il Motorcycle Gang Jamboree, in collaborazione col Giostrà, noto locale bolognese, con una ricca programmazione musicale. Nello stesso anno entrano nel gruppo Stefano Ricci, che diventerà il direttore artistico dell’X Factor-Y, e Federico Ongaro per la grafica, ai quali nel 2006 si aggiunge Massimo Portunato per la grafica e l’organizzazione.

Il Motorcycle Gang Jamboree diventerà un appuntamento fisso per gli appassionati fino ad oggi, spostandosi all’Estragon di Bologna fino al 2008, anno in cui anche Fede lascia il gruppo, e poi trovando la location ideale nel 2009, all’interno del Parco della Resistenza di San Lazzaro di Savena (BO), in collaborazione con l’Amministrazione locale. Il salto di qualità dell’XFactor-Y si compie nel 2011, con l’ingaggio di un’icona del panorama Rockabilly internazionale, Ray Campi. Negli anni successivi,sempre dagli anni ’50, Sleepy La Beef, soprannominato “juke box umano”, Sid King e Johnny Powers.

Dal 2011 al 2013 l’XFactor-Y in collaborazione con i Rockin’ Ribs di Fano organizza il  “LET’S ROCK TONITE”, una tre giorni di rock’n’roll nella località balneare di Fano con band nazionali e internazionali.

Purtroppo il 7 luglio del 2013 Leo se ne va. Ci lascia  poche settimane prima di un traguardo importante, la decima edizione del Motorcycle, colto da un malore mentre viaggiava sul suo Road King, di ritorno da una bellissima serata al LET’S ROCK TONITE a Fano. Il gruppo, orfano del suo componente più carismatico, deciderà di costituirsi in associazione, per ufficializzare e legittimare il grande lavoro svolto in questo decennio.

Nasce così nel maggio 2014 l’Associazione Culturale “XFactor-Y Bologna” a cui si uniscono altri entusiasti collaboratori.La storia dell’XFactor-Y, dalla sua nascita a oggi, è stata costellata di eventi  grandi e piccoli, anche in collaborazione con altre organizzazioni, tutti volti alla diffusione della cultura 50’s.

“ROCK’N’ROLL NEVER DIE” come amava citare il nostro Leo.

Allora…… GO CAT GO!!!